Multimedia

GTranslate

Italian English French German Portuguese Russian Spanish
Storia


Storia della cava PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Venerdì 25 Ottobre 2013 17:03

La Cava, ex fornace, era considerata da molti abitanti del posto, “maledetta”. Un vecchio documento spiegava che nel 1948, nel feudo di Surbo, alcuni soci guidati dal signor Perrone Francesco di Trepuzzi, erano decisi a costruire una fornace in quella cava per la cottura della calce, scegliendo quel luogo per le particolari condizioni territoriali e climatiche favorevoli alla cura di tale prodotto. Così in mezzo alla roccia venne costruita una grossa fornace in pietra di carparo e cemento armato. Gli affari per quei soci, ben presto andarono male, perché il prodotto finito non collimava con i loro interessi e anziché ricavare calce bianca, ne usciva materiale contaminato da altre sostanze.
Fu una grande delusione, tanto che si decise di rivolgersi alla Madonna, deponendo nella nicchia collocata sulla fornace, anche un quadro in suo onore.
I risultati non cambiarono, anzi si peggiorò la situazione. Presi dallo sconforto, fu bruciata l’immagine dell’Immacolata di Lourdes e i soci decisero di abbandonare la cava definendo il luogo invaso dal diavolo per un delitto commesso in quel luogo e quindi maledetto.
Anche se si raccontava che in quel luogo andava spesso a pregare Melania, la pastorella della Salette, ospite agli inizi del secolo XX, ospite del servo di Dio monsignor Zola, Vescovo di Lecce.
Ben presto i surbini dimenticarono l’ex fornace lasciandola nell’abbandono più totale.
Angelo, non era a conoscenza dei misteri di quel posto, sino alla rivelazione dell’Angelo, il 7 giugno
1971.

Ultimo aggiornamento Venerdì 25 Ottobre 2013 17:23
Leggi tutto...