Multimedia

Padre Pietro

GTranslate

Italian English French German Portuguese Russian Spanish


Designed by:
SiteGround web hosting Joomla Templates

Natale 2016 PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Mercoledì 21 Dicembre 2016 18:41

Natale 2016

Fratelli e sorelle, come di consueto vengo con questo mio scritto ad esprimere a voi tutti i miei sentimenti più profondi per l’occasione della nascita di Gesù.

Possa il Signore benedire voi tutti e trovarvi in buona salute di anima e di corpo.

Gli odierni avvenimenti che colpiscono come Caino i fratelli innocenti ed estranei ai giochi politici dei governanti senza scrupoli, che pensando al proprio interesse materiale colpisce le classi più indifesi: bambini, anziani, paesi dove già colpiti da calamità naturali devono perdere tutto per l’egoismo umano o per un credo.

Noi viviamo spaventati da tale brutture, ma miei cari, dobbiamo riflettere e fare un esame di coscienza più profondo perché tutto ciò che accade e colpa nostra.

Ci crediamo di essere al posto di Dio perché, le nuove tecnologie ci illudono di aver creato nuove risoluzioni in vari campi ma dobbiamo renderci conto che il progresso ci porta al regresso.

Dio può fare a meno di noi, ma noi non possiamo fare a meno di Lui.

 

 

Molti cercano di colpevolizzare Dio per ciò che accade: terremoti, alluvioni, riscaldamento globale, inquinamento ambientale.

I veri colpevoli siamo noi che ci disinteressiamo di ciò che accade intorno a noi vivendo egoisticamente solo con la nostra cerchia e con immensa indifferenza verso la natura che soffre e che noi uccidiamo, causa di esperimenti per produrre secondo alcuni scienziati nuove filosofie di coltivazione. Dal mio piccolo, io dico: basta a questo scempio!

Basta ai politici, di fare falsa politica per il loro portafoglio!

Dico, basta a molte autorità ecclesiastiche, come dice papa Francesco di non cullarsi nel proprio io e scendere da quel piedistallo di potere, spogliandosi della vanità della carriera, di abbracciare la croce e di evangelizzare secondo gli insegnamenti di Gesù e dei primi Apostoli.

Basta a quei gruppi parrocchiali che vogliono emergere fra di loro, dimenticando chi realmente non ha bisogno di canti, di manifestazioni, fiaccolate ma solidarietà silenziosa e concreta e Adorazioni Eucaristiche e recita del Rosario comunitario.

Basta di quei giovani che oziano e non credono alle loro capacità e non esprimono i loro talenti per un’ Italia migliore e creativa come siamo stati noi Italiani.

Tutto è illusione, solo in Dio c’è certezza, Fede e proposito di riscoprire davanti al presepe l’umiltà, le nostre origini, perché miei cari, credere, volere e tutto cambierà.

Pensiamo in questi giorni ai terremotati a questi nostri fratelli che dormono nelle stazioni coperte da un semplice cartone, mentre molti sono indifferenti a questo squallore guadagnando molti soldi come giocatori, personaggi televisivi, che preferiscono intrattenere il pubblico con notizie inutili, matrimoni tra vip, tradimenti e altre cose frivole trascurando di far vedere la realtà odierna: disoccupazione , suicidi di giovani delusi di non poter creare una posizione sociale.

Auguro a tutti noi un anno nuovo di pace, di speranza, di ricrescita sia nel campo sociale e politico e che il bambino Gesù benedica tutti, soccorra chi soffre nel corpo e nell’anima e di chi non riesce ad arrivare alla fine del mese.

Benedica il Papa, uomo Santo, parroco mondiale fra i suoi fratelli che testimonia veramente il Vangelo nel Signore Nostro Gesù Cristo. La Vergine Santa della Cava che non è Madre del silenzio ma è come il Battista che grida il Suo dolore nel deserto delle nostre anime.

Pregate per me e io prego per voi.

Le mie condizioni di salute non permettono di visitarvi ma vi accolgo ogni qualvolta che ne avete bisogno.

Buon Natale a voi, ai carcerati, a chi si opera con amore e sincerità.

Padre Pietro Maria Chiriatti

Missionari Madonna della Cava.

Ultimo aggiornamento Mercoledì 21 Dicembre 2016 18:54