Pasqua 2017 Presidente Stampa
Scritto da Administrator   
Sabato 15 Aprile 2017 16:52

Pasqua 2017

Carissimi devoti della Madonna della Cava siamo giunti alla Santa Pasqua, siamo pronti spiritualmente a rivivere la Resurrezione del Figlio di Dio Gesù Cristo?

Noi ci definiamo cristiani cattolici, ma lo siamo effettivamente?

Essere veri cristiani non vuol dire solo andare alla Santa Messa tutte le domeniche e pregare.

Infatti non è solo la presenza e dire parole quello che interessa a Dio, ma è come la nostra anima si presenta e si unisce al Sacrificio Eucaristico di Nostro Signore Gesù Cristo e soprattutto fare la Sua Santa Volontà.

Ogni anno si rivive la nascita, la missione che Gesù ebbe sulla terra circa 2000 anni fa, la passione, morte e resurrezione.

Dopo 2000 anni non abbiamo ancora messo in pratica quello che Gesù Cristo ci ha lasciato: l’Amore. Infatti nuovi venti di guerra si stanno per abbattere sull’umanità perché l’uomo egoista e privo di amore verso il prossimo non ascolta più il richiamo materno di Maria SS e di Gesù il Figlio di Dio.

Loro sono stati sempre presenti da più di 2000 anni con i loro messaggi inviati ad anime elette per ravvederci e guidarci verso l’Amore di Dio.

Ma noi siamo sordi, siamo indifferenti al richiamo perché confusi dal materialismo sfrenato.

 

 

Possiamo evitare molti castighi che certamente non vengono da Dio, ma da quel male stesso che l’uomo ha generato e che fa ricade su di lui.

Due sono le armi con cui possiamo evitare il male: la Preghiera fervorosa e la SS Eucarestia. Svegliamoci altrimenti sarà troppo tardi!!!

La preghiera non deve essere una sequenza di parole dette in modo ripetitivo per far piacere a qualcuno che ci ascolta, ma è l’esigenza che il nostro spirito ha di comunicare con il nostro Creatore.

L’arma più potente che l’uomo ha contro il male dopo la SS Eucarestia è la preghiera!!!

Pregare sembra un termine comune, facile da pronunciare e capire, ma sono poche le anime che ci riescono.

La vera preghiera è senza distrazioni e futili pensieri, infatti la nostra mente e il nostro spirito devono essere immersi totalmente verso Colui che ci ha dato la vita, entrando in una dimensione diversa che ci rende invulnerabili dalle tentazioni della materia di cui siamo fatti.

Se siamo distratti recitiamo la giaculatoria:”Fa Signore che ogni battito di cuore sia una lode a Te, mio Creatore!!!” Ogni cuore batte all’unisono verso Colui che ci ha creati.

La preghiera deve essere un colloquio intimo con Dio Padre, con Gesù Figlio e con Maria Santissima Madre di Dio, Sposa dello Spirito Santo e Madre Nostra e di tutti gli esseri viventi del mondo e dell’universo.

Per rendere grazie a Dio Padre dell’immenso dono che ci ha fatto dovremmo pregare incessantemente ogni secondo della nostra vita, ma noi siamo troppo distratti per farlo, effettivamente ci dimentichiamo di farlo, oppure lo facciamo saltuariamente soprattutto quando ne abbiamo  bisogno.

Miei cari , la preghiera non dove essere, solo, una richiesta alle nostre esigenze e comodità, ma bensì un’ affidamento alla Sua Volontà perché il Padre che è nei cieli e in qualsiasi particella del cosmo già è a conoscenza delle nostre necessità, ma è anche vero che bisogna chiedere con umiltà e con vero pentimento, per ricevere la Sua Grazia.

Bussiamo alla porta, altrimenti nessuno ci aprirà. Il Signore non aspetta altro che bussiamo al Suo Cuore e quel cuore di grande Amore e Misericordia colmerà tutte le nostre richieste spirituali e materiali.

Santa Pasqua a tutti.

Presidente

Piero P.

Ultimo aggiornamento Sabato 15 Aprile 2017 17:01